Coppa Davis, quando è nata e chi è il suo inventore

L’Italia ha riconquistato la prestigiosa Coppa Davis, il torno di tennis che porta il nome del suo inventore

Nell’estate del 1900, sui campi del Logwood Cricket Club di Boston, si tenne il primo torneo di tennis che avrebbe fatto storia: la Coppa Davis. L’instigatore di questa sfida senza precedenti fu Dwight Filley Davis, uno studente di Harvard appassionato di tennis, già finalista ai campionati americani di tennis. Davis aveva una visione ambiziosa per il tennis: voleva conferirgli una visibilità e un prestigio globali. Prendendo ispirazione dalla “Coppa America” della vela, Davis concepì l’idea di una competizione a squadre che coinvolgesse le nazioni, dando vita alla “International Lawn Tennis Challenge Trophy”. Da un confronto bilaterale, la Coppa Davis si espanse rapidamente, accogliendo nazioni come Belgio, Austria, Francia, Australia e Nuova Zelanda già dal 1904. Il torneo stava assumendo le caratteristiche di un autentico “Mondiale” del tennis.  Nomi come Bill Tilden, René Lacoste, Fred Perry e Donald Budge entrarono a far parte della storia della competizione, contribuendo a consolidarne la reputazione e l’importanza.

Per creare il trofeo, Davis fece fondere ben 6 chilogrammi d’argento presso un gioielliere di Boston, dando così vita alla celebre coppa, che, con il suo aspetto di una grande insalatiera, è diventata un’icona nel mondo del tennis. Il torneo inaugurale, tenutosi nel 1901, vide la squadra americana, guidata dallo stesso Davis, trionfare nettamente per tre a zero sulla Gran Bretagna. Dwight Davis, oltre a essere un talentuoso tennista, fu anche finalista nel doppio a Wimbledon nello stesso anno. La figura di Davis non si fermò al tennis; divenne presidente della Federazione americana di tennis e successivamente intraprese una carriera politica, ricoprendo incarichi di rilievo come ministro della guerra e governatore delle Filippine. Fu solo nel 1945 che il torneo cambiò nome in onore di  Davis, tre volte campione del doppio maschile agli US Open.

La Coppa Davis, spesso paragonata ai campionati del mondo di calcio, rappresenta l’unica opportunità per i tennisti professionisti di difendere i colori nazionali in una competizione sportiva. Nel corso di oltre un secolo di storia, solo 10 Paesi hanno avuto l’onore di sollevare l'”insalatiera d’argento”. L’Italia, presente in finale otto volte, ha vinto il trofeo due volte: nel 1976 e nel 2023. Gli Stati Uniti detengono il record di vittorie, con ben 32 trofei conquistati, seguiti dall’Australia con 28. Regno Unito e Francia seguono da vicino con 10 trionfi ciascuno. La Coppa Davis rimane dunque una delle competizioni più prestigiose e ambite nel mondo del tennis internazionale. L’evoluzione di questa competizione nel corso dei decenni ha contribuito in modo significativo a plasmare il tennis moderno, trasformandolo da uno sport di nicchia a un fenomeno globale.

L’Italia e la Coppa Davis

L’Italia ha fatto la sua prima comparsa nella Coppa Davis nel lontano 1922, un capitolo iniziale di una storia costellata di sfide e trionfi. Tuttavia, la vittoria è stata un traguardo sfiorato per decenni. L’unico sorriso sulle labbra degli italiani arrivò nel 1976, a Santiago del Cile, quando la squadra composta da Panatta, Bertolucci, Barazzutti, e Zugarelli sollevò il trofeo. La seconda vittoria si è fatta attendere fino al 2023, quando la squadra italiana ha trionfato su quella australiana a Malaga, ponendo fine a 47 anni di digiuno.

Il formato attuale

La Coppa Davis ha subito un significativo cambio di formato nel 2019, introducendo qualificazioni invernali e modificando il percorso del torneo. Le squadre nazionali partecipano a competizioni intense per guadagnarsi un posto nel tabellone principale. Le fasi eliminatorie, quarti di finale e semifinali, portano le squadre verso la finale, creando incontri appassionanti. La nuova struttura ha aggiunto dinamicità alla competizione, mantenendo al contempo la sua importanza e il suo prestigio. La Coppa Davis si è adattata ai tempi, attirando l’attenzione degli appassionati e degli atleti con il suo approccio innovativo.

l'italia vince la coppa davis 2023
EPA/Jorge Zapata

La vittoria dell’Italia del 2023

L’Italia ha vissuto un momento epocale nel mondo del tennis, riconquistando la Coppa Davis dopo 47 anni grazie a una straordinaria performance di Jannik Sinner e Matteo Arnaldi nella finale contro l’Australia a Malaga. L’ottava finale di Coppa Davis per gli azzurri si è trasformata in un trionfo memorabile, sconfiggendo l’Australia, considerata un vero e proprio tabù per l’Italia, grazie alle vittorie decisive di Arnaldi e soprattutto di Sinner, il gioiello del tennis italiano. Il diamante azzurro, Jannik Sinner, ha giocato un ruolo da protagonista nella final 8 andalusa, dimostrando una classe straordinaria e portando l’Italtennis al traguardo desiderato. La vittoria è stata sigillata con due trionfi nei singolari, un risultato eccezionale considerando l’importanza della competizione. La serata a Malaga ha visto brillare anche Matteo Arnaldi, che ha giocato un ruolo cruciale vincendo il primo singolare contro Alexei Popyrin con il punteggio di 7-5, 2-6, 6-4. La partita è stata caratterizzata da momenti intensi e da una grande determinazione da parte di Arnaldi, che ha saputo ribaltare la situazione a suo favore. L’ultimo tentativo dell’Italia di conquistare la Coppa Davis risaliva al 1998, quando la squadra fu sconfitta dalla Svezia. Questa volta, a Malaga, la supremazia è stata azzurra, segnando il secondo trionfo nella storia della Coppa Davis per il tennis italiano. Il capitano Filippo Volandri ha guidato con maestria la squadra azzurra in questa avventura, dimostrando che il tennis italiano sta vivendo un periodo di grande successo e ritorno alla ribalta internazionale. La vittoria a Malaga è stata un risultato storico che ha emozionato il pubblico italiano e ha rafforzato la posizione dell’Italia nel panorama tennistico mondiale. La finale contro l’Australia è stata l’occasione per gli azzurri di dimostrare la propria forza e determinazione, e il risultato finale è stato un trionfo che resterà impresso nella storia del tennis italiano. Jannik Sinner, con la sua prestazione impeccabile, e Matteo Arnaldi, con la sua resilienza, hanno contribuito in modo significativo a questa vittoria straordinaria. La Coppa Davis 2023 è stata un capitolo glorioso per il tennis italiano, e i giocatori azzurri hanno dimostrato al mondo intero la loro abilità e il loro spirito vincente. La vittoria a Malaga è un motivo di celebrazione per gli appassionati di tennis in Italia e conferma il ritorno del tennis italiano alla sua antica grandezza.

La Coppa Davis rimane uno degli eventi più stimolanti e affascinanti nel mondo del tennis, unendo nazioni e creando ricordi indelebili per giocatori e appassionati. La competizione continua a evolversi, mantenendo viva la fiamma della tradizione e aprendo nuovi capitoli nella storia del tennis internazionale.

Può interessarti anche: “I pugili che hanno fatto la storia della boxe: chi sono i più forti di sempre”

Impostazioni privacy